Comunicato stampa
Home Su Comunicato stampa Organizzazione Programma generale Programma finale Abstracts

 

Firenze, 22 febbraio 2000

COMUNICATO STAMPA

Si chiude oggi la seconda giornata di Stroke 2000, meeting dell’associazione The Italian Stroke Forum, organizzato il 21-22 Febbraio presso il Palazzo dei Congressi di Firenze, a cui hanno partecipato i massimi studiosi sul tema dell’ictus cerebrale

Con questo incontro, l’associazione si e posta l’obiettivo di diminuire l’incidenza dell’ictus cerebrale attraverso un ampio programma di informazione e prevenzione esteso su tutto il territorio nazionale che la vedra impegnata lungo tutto il corso dell’anno. Si e trattato di un’importante occasione di confronto fra tutte le componenti impegnate nella lotta all’ictus cerebrale. Questa malattia, che colpisce ogni anno piu di 140.000 italiani, rappresenta tuttora non solo una rilevante causa di morte, ma soprattutto la piu importante fonte di invalidita per la popolazione occidentale. Stroke 2000 ha rappresentato un momento di dibattito, unico nel suo genere, che ha visto coinvolte ben 18 societa scientifiche italiane, due associazioni di pazienti e rappresentanti di infermieri e fisioterapisti. Si e trattato di un esempio positivo nella realta spesso litigiosa della sanita italiana: infermieri, chirurghi vascolari, neurologi, internisti, cardiologi, medici di famiglia hanno cercato di mettere a punto il modo migliore per prevenire e curare l’ictus alla luce dei piu recenti progressi scientifici.

Particolarmente significativo e stato il confronto tra le linee guida elaborate in Italia (linee guida SPREAD) e quelle utilizzate in Scozia, Austria, Olanda, Svezia e Stati Uniti. Il confronto con questi paesi ha evidenziato chiaramente come la nostra realta sia perfettamente in linea con quanto progettato nelle altre nazioni.

Particolare attenzione e stata dedicata alla fibrillazione atriale. Questa aritmia cardiaca, frequente nelle persone anziane, e responsabile di un’importante percentuale di ictus. Il suo riconoscimento e l’adozione di appropriate misure terapeutiche (antiaggreganti piastrinici ma soprattutto anticoagulanti orali) consentono di prevenire molto spesso la comparsa di ischemia.

Non si e pero discusso solo di cio che si deve fare oggi, ma anche del prossimo futuro. Sono stati illustrati gli studi che dovranno fornire, nei prossimi anni, alcune risposte fondamentali su come prevenire sempre meglio l’ischemia cerebrale e limitare al massimo il danno nel paziente comunque colpito da ictus. Sempre nel futuro sono proiettati i risultati che la genetica sapra fornire sulle cause dell’ictus: le nuove metodiche di mappatura genetica saranno in grado di chiarire meglio chi e a maggior rischio e come prevenire l’ischemia cerebrale.

 

sono partner di The Italian Stroke Forum:

    WB01339_.gif (1535 byte)